Il ruolo dell’America ad Haiti: sabotaggio alle attività di soccorso?

Tradotto da “Revolution Online”

Pensateci: un’intera città che un tempo contava una popolazione di due milioni di persone. Adesso ci sono miglia e miglia di edifici crollati a causa di quell’enorme terremoto. Ancora tante, molte persone sono schiacciate da un enorme mucchio di cemento. Ma ci sono anche molte altre persone, magari migliaia, ancora vive, intrappolate, che gridano. Per giorni gli aiuti dall’estero non erano ancora arrivati e persone disperate continuano a scavare tra le macerie a mani nude. Sorprendentemente, anche dopo tre giorni, si sentono ancora voci umane provenire dalle macerie. Ma poi, ce ne sono di meno e sempre più tenui. Col tempo, un silenzio assordante circonda le case crollate quando la città di Port-au-Prince diventa un’immensa tomba.

Una donna continua a scavare nel cemento con una scopa. Crede che i suoi quattro parenti dispersi siano sepolti là sotto e spera che le risponderanno. Ma la speranza, alla fine, si trasforma in dolore. “Non c’è più vita qui”, dice.

Un’altra donna si trova fuori una scuola crollata dov’è sepolto suo fratello. Sta ascoltando eventuali segni di vita, anche un flaccido gemito. I suoi occhi si riempiono di lacrime mentre chiama al cellulare del fratello ancora e ancora. “Lui non c’è più”, dice.

Anche in assenza di lesioni gravi, le persone intrappolate sotto le macerie moriranno probabilmente dopo 72 ore. Ma nessun mezzo pesante è arrivato e mancano ancora forniture mediche per i feriti. Alcune squadre di soccorso straniere sono ora sul terreno. Ma questa è solo una goccia nel mare di ciò che è necessario.

A New York, nella comunità haitiana di East Flatbush, ci sono molti cuori addolorati con intensa preoccupazione e pena. Molti di loro non sanno se i loro cari ad Haiti sono vivi o morti. Una giovane donna che stava mangiando in un ristorante vicino dice: “Ho pianto per tre giorni. Questa è la prima volta che sono fuori di casa”. Nella lavanderia vicino, due donne anziane sedute in attesa dei loro panni ad asciugare, fissavano la scena in TV della carneficina della città che una volta era la loro casa. Sembrano essere in uno stato di shock e lievemente dicono di aver provato a telefonare a casa ma i telefoni non funzionano e non hanno idea di quel che è successo alla loro famiglia. Un intenso dolore sta aspettando di essere buttato fuori, ma nessuno può reperire tutte le informazioni, in modo da far rimanere un frammento di speranza.

Si stima che ci siano almeno 100.000 morti. E quando le macerie saranno finalmente eliminate, questo numero potrebbe impennarsi ancora di più.

Nessun essere umano avrebbe potuto fermare il terremoto che ha colpito con tale forza assassina il 12 gennaio. Ma molte delle persone che hanno perso la vita a Port-au-Prince NON DOVEVANO MORIRE.

Il terremoto è stato un disastro naturale. Ma la situazione che ha portato a così tante vittime non è stata naturale. Migliaia di persone che in realtà avrebbero potuto essere salvate sono morte inutilmente, poiché i paesi ricchi e potenti hanno le risorse per salvare le persone, specialmente gli Stati Uniti, hanno omesso di fornire tali aiuti nel periodo immediatamente successivo al terremoto. Infatti, i sopravvissuti che contro ogni probabilità si sono salvati dalle macerie, sottolineando come molte altre persone potevano essere salvate, sono invece morti, poiché gli Stati Uniti non hanno fatto tutto il possibile per mandare immediatamente le squadre di soccorso e le attrezzature ad Haiti. Questo equivale a niente meno che un omicidio di massa.

L’Economist ha scritto: “La maggior parte delle vittime non è morta durante i 35 secondi della scossa. Ted Constan di Partners in Health, una ONG americana, dice che circa 200.000 persone sono state probabilmente ferite o intrappolate, ma non uccise dal terremoto. Si stima che ulteriori 25.000 di loro sono morti per ogni giorno trascorso dopo il terremoto a causa di malattie curabili come emorragie, disidratazione, soffocamento e infezioni.” (Economist.com, 18 gennaio 2010)

Gli USA non hanno portato soccorso, ma un mortale ritardo

Gli Stati Uniti sono il paese più potente della Terra. Si trova solo a poche centinaia di miglia da Haiti. Ma nei giorni cruciali dopo il terremoto gli Stati Uniti non sono riusciti a rifornire cibo, acqua, forniture mediche, squadre di soccorso e personale medico così maledettamente necessario. E i 100 milioni di dollari che Obama ha promesso per gli aiuti sono un insulto per la ricchezza degli Stati Uniti e l’enormità di questa tragedia. Questa cifra è meno di un decimo dell’ 1% che gli USA spendono ogni anno per le spese militari in Iraq e Afghanistan.

Il primo lancio di cibo e acqua degli USA non è avvenuto prima di Lunedì 18 gennaio, una settimana dopo il terremoto. E la CNN ha riferito che le consegne sarebbero avvenute il giorno dopo poiché gli Stati Uniti stavano ancora valutando le zone aeree di destinazione che potrebbero essere sicure.

Altri paesi con meno risorse e molto più lontani sono riusciti a mandare subito i soccorsi sul campo. Entro 48 ore, l’International Search and Rescue Team dall’Islanda, completamente attrezzato e autosufficiente per un massimo di sette giorni sul campo, si è schierato subito con tonnellate di strumenti e attrezzature, acqua, tende, apparecchiature di telecomunicazioni avanzate e la capacità di depurare l’acqua.

Venerdì notte, più di tre giorni dopo il terremoto, è stato riferito che tonnellate di forniture erano ferme e accatastate negli aeroporti. E mentre i notiziari continuavano a mettere in guardia per i saccheggi e il caos, i giornalisti di Port-au-Prince hanno detto che c’è poca violenza, che la gente sta cercando di salvare i propri cari, aiutare i feriti e sopravvivere.

Marguerite Laurent, una drammaturga pluripremiata e poetessa che vive negli Stati Uniti, è stata in grado di raggiungere una donna di Haiti, che le ha detto: “Con le mie mani nude, ho tirato le mie due figlie fuori dalle macerie, ma non posso portarle in un ospedale funzionante. Ho cercato per tutta la notte martedì, le trovai al buio e sotto il cemento. I miei altri due sono morti. Non ho un modo per volare verso la Repubblica Dominicana per le cure. I medici dicono che una gamba schiacciata deve essere amputata, ma non hanno l’attrezzatura per farlo. Ci sono troppi morti in ospedale. Le sto portando da qualche altra parte. Non so dove. Non c’è né acqua e né cibo da dare loro. Non posso tornare a casa per recuperare qualcosa. Stiamo per le strade”.

Ansel Herz, un giornalista indipendente che vive ad Haiti, riporta: “La gente è per le strade. Gente nelle piazze, cercando, in attesa di un qualche tipo di aiuto. Ma non c’è davvero nulla in arrivo a quanto ho visto. Sono stato per le strade tutta la giornata di ieri e il giorno prima, da quando c’è stato il terremoto. Non ho visto un singolo soccorritore o un convoglio ufficiale di aiuti da parte del governo haitiano o da un’agenzia di aiuti o dalle forze di mantenimento della pace che si trovano qui delle Nazioni Unite”. (Democracy Now!, 14 gennaio 2010)

Nel frattempo, mentre i corpi erano ammucchiati per le strade, gli sforzi degli USA NON venivano concentrati su come contribuire a facilitare le migliaia di personale medico, soccorritori e altri provenienti dagli Stati Uniti e da tutto il mondo che vogliono aiutare. Invece sono state le forze armate USA a essere mobilitate come la principale forza per andare ad Haiti in seguito a questa terribile catastrofe. Mentre oltre 10.000 forze navali e terrestri erano in procinto di essere inviati dal Pentagono, il governo ha inviato solo 300 medici. Le squadre di soccorso USA hanno estratto solo 15 persone dalle macerie.

Il Christian Science Monitor ha riferito che fin dall’inizio, il Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti era concentrato sul “fare le valutazioni iniziali”, invece di inviare i soccorsi alle persone.

Gli Stati Uniti hanno inviato circa 10.000 soldati dell’esercito, flotte e forze della Marina, una portaerei e le Special Forces sotto comando del United States Southern Command (SOUTHCOM).

Il generale Douglas Fraser, comandante del SOUTHCOM ha definito l’operazione d’emergenza ad Haiti come operazione di Comando, Controllo e Comunicazioni (C3). Nel corso di una conferenza stampa, a Fraser è stato chiesto di spiegare perché gli altri paesi sono stati in grado di mandare rapidamente le squadre di soccorso ad Haiti, mentre gli Stati Uniti non lo hanno fatto. Fraser ha risposto: “Dalla pratica, abbiamo riscontrato che le valutazioni sono fondamentali per essere sicuri di inviare il giusto equipaggiamento per gli sforzi di recupero delle vite, rendendo gli sforzi i più efficienti possibile. Quindi la cosa peggiore che possiamo fare è mandare un sacco di materiale in avanti senza sapere se ne avremo bisogno.”

Questo merita una replica: Fraser ha detto che la cosa peggiore in una tale crisi è l’invio di troppo aiuto. In realtà la cosa peggiore, che gli Stati Uniti hanno fatto certamente succedere, è che migliaia di persone sono morte inutilmente, perché gli sforzi e le risorse non sono state indirizzate immediatamente a dare aiuto medico e di soccorso in Haiti.

Il sabotaggio USA dei soccorsi

La totale mancanza di un governo funzionante ad Haiti è stato usato per legittimare gli Stati Uniti ad andare, fondamentalmente, a mettere piede lì. Rapidamente, gli USA hanno preso il controllo dell’aeroporto, il che significa che sono loro a decidere cosa va dentro e fuori Haiti. E questo è stato un modo fondamentale per gli Stati Uniti di ostacolare di fatto la consegna di cibo e medicine.

Organizzazioni umanitarie hanno criticato gli Stati Uniti per le priorità fuori luogo – dice un funzionario degli USA che gli sforzi si sono concentrati non in materia di aiuti nel paese ma su come prelevare le persone e le truppe insidiate e salvare i cittadini statunitensi.

L’UNICEF ha cercato di inviare un aereo pieno di kit medici, coperte e tende, ma il permesso gli è stato negato ed è stato costretto a tornare a Panama. Sabato 16 gennaio, il World Food Program è stato finalmente in grado di far atterrare gli aerei col cibo, acqua e medicine, dopo essere stato respinto giovedì e venerdì, per permettere agli Stati Uniti di poter sbarcare con truppe e attrezzature per portare gli Americani e gli altri stranieri al sicuro. Emmanuel Jarry, l’ufficiale della logistica aerea per gli aiuti dell’agenzia di Haiti ha detto: “Ci sono 200 voli che entrano e escono ogni giorno, che è una quantità incredibile per un paese come Haiti. Ma la maggior parte dei voli sono dell’esercito degli Stati Uniti.” Emmanuel ha continuato a dire: “Le loro priorità sono di rassicurare il paese, il nostro è di sfamare. Dobbiamo sincronizzare queste priorità.”

Gli USA affermano che stanno facendo il possibile per aiutare il popolo haitiano. Ma la verità che è emersa è che nei giorni cruciali immediatamente dopo il terremoto, gli Stati Uniti non solo non hanno fornito gli aiuti, ma hanno addirittura sabotato i soccorsi di quelli che cercavano di portare urgentemente medicine, cibo, acqua e le squadre di medici e di soccorritori in Haiti.

Medici Senza Frontiere/Médecins Sans Frontières (MSF) ha chiesto ufficialmente che i suoi aerei che trasportano occorrenze essenziali mediche e chirurgiche possano atterrare a Port-au-Prince. Essi sostengono che la priorità deve essere data immediatamente agli aerei che trasportano le attrezzature di salvataggio e il personale medico. Questo in risposta al fatto che, nonostante le garanzie fornite dalle Nazioni Unite e dal Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti, un aereo cargo di MSF che trasportava un ospedale chirurgico mobile è stato bloccato allo sbarco a Port-au-Prince sabato. E’ stato re-indirizzato a Samana nella Repubblica Dominicana e il materiale è stato poi dovuto essere trasportato via camion da Samana. C’è bisogno di chiedere quante persone sono morte a causa di questo ritardo di 48 ore dell’arrivo dell’ospedale mobile?

Venerdì notte, un team medico belga evacua la zona, dicendo che era preoccupato per la sicurezza. La CNN inizialmente annunciò, basandosi sulle conversazioni di alcuni medici, che l’ONU ha ordinato al team di pronto soccorso belga di evacuare la zona. Più tardi, Geert Gijs, medico 60enne, Coordinatore Capo del team, ha detto che era sua la decisione di ritirare la squadra per la notte. Ha detto che ha chiesto al personale di sicurezza delle Nazioni Unite di fornire del personale all’ospedale per la notte, ma gli è stato riferito che le forze di pace sarebbero state solo in grado di evacuare il team. Il Chief Medical Correspondent della CNN, Sanjay Gupta è rimasto come il solo medico nell’ospedale per ricevere i pazienti durante la notte. Fu assistito da altri membri dello staff della CNN e da un infermiere haitiano che si rifiutò di lasciare la zona, ma la squadra belga portò le attrezzature mediche con sé, limitando quello che potevano fare. La squadra belga tornò il mattino dopo.

Anche il Ten. Gen. in pensione dell’Esercito Russel Honoré, che è stato comandante della task force per i soccorsi dopo l’uragano Katrina nel 2005 – che di fatto ha presieduto la Guardia Nazionale puntando le pistole in faccia alla gente – ha criticato l’operato degli USA in Haiti. Giovedì ha detto: “Pensavo che avessimo imparato da Katrina, prendere cibo, acqua e iniziare ad evacuare le persone … pensavo che avremmo avuto un avvio più veloce.”

Honorè ha detto che anche nel caos di Katrina non aveva mai visto il personale medico a piedi. “Trovo sorprendente come siano stati lasciati quei medici”, ha detto. “La gente ha paura dei poveri”.

Così gli USA, mentre sabotano i soccorsi, hanno anche creato un complesso ambiente dove anche a coloro che cercano di aiutare viene data una falsa sensazione di pericolo imminente e di violenza che, nel caso del team medico belga, ha portato a sacrificare delle vite per “problemi di sicurezza”.

Voli umanitari provenienti da Francia, Brasile e Italia non hanno avuto il permesso di atterrare e la Croce Rossa ha riferito che uno dei suoi aerei è stato deviato a Santo Domingo, la capitale della vicina Repubblica Dominicana.

L’ambasciatore Francese ad Haiti, Didier Le Bret, ha detto che il ministro degli esteri francese Bernard Kouchner, ha presentato una protesta al Dipartimento di Stato degli USA dopo che gli stessi Stati Uniti hanno bloccato un volo francese che trasportava un ospedale da campo. Hanno detto che l’aeroporto di Port-au-Prince non è “un aeroporto per la comunità internazionale. E’ annesso a Washington … Ci è stato detto che erano in estrema emergenza, e che necessitavano di un ospedale da campo. Potremmo essere in grado di fare la differenza e salvare delle vite umane”.

Dei funzionari francesi hanno poi fatto marcia indietro su queste dichiarazioni (ci si deve chiedere se non sono stati gli Stati Uniti a esercitare pressioni su di loro). Il consulente presidenziale francese Claude Gauéant ha riferito che “Gli Stati Uniti, che hanno molta sensibilità per la comunità haitiana, hanno deciso di fare uno sforzo considerevole . . . Adesso non è il tempo di esprimere rivalità tra i paesi”.

Con gli Stati Uniti al comando dei voli in uscita, una delle prime priorità è stata quella di evacuare gli americani, anche se gli USA hanno bloccato le attività dei funzionari canadesi e francesi per riportare a casa i propri cittadini. Alla fine i soldati americani hanno alzato il loro cordone e permesso agli altri di attraversare, ma non fino a che gli aerei militari avessero portato più di 250 americani da Haiti alla McGuire Air Force Base del New Jersey. In effetti, questo sembra essere perfettamente in linea con quanto detto da Obama durante la sua conferenza stampa si Haiti: “Non abbiamo priorità più alta che della sicurezza dei cittadini americani . . . E dovete sapere che non troveremo pace finché non porteremo in salvo gli Americani”.

Alla Casa di Cura Municipale di Port-au-Prince, ad appena un miglio dall’aeroporto controllato dagli USA, 85 haitiani stanno morendo di fame e iniziano ad essere attaccati dai topi. Un uomo, Joseph Julien, è già morto. I funzionari hanno citato gli scontri per il cibo nel vicino stadio di calcio, per giustificare il mancato invio delle forniture. L’Amministratore della Casa di Cura, Jean Emmanuel ha detto all’Associated Press:”Sto implorando tutti per far capire che c’è una tregua adesso, le strade sono libere, quindi potete venire ad aiutarci”.

Si stanno ponendo le basi per altri crimini contro il popolo haitiano

I media e le dichiarazioni del governo – che il vero problema è il pericolo di saccheggio e il caos – vengono utilizzati per incolpare gli stessi haitiani per il ritardo degli Stati Uniti.

Qui c’è bisogno di chiedersi: Qual è la definizione di saccheggio in una crisi estrema come questa? E’ un crimine per le persone che sono disperatamente in cerca di cibo e acqua andare in un negozio e prendere ciò di cui hanno bisogno? La gente dovrebbe essere fucilata se, nel bel mezzo di un collasso totale dei servizi e del commercio, prende ciò di cui ha bisogno per non far morire se stessi e i propri figli?

L’effettiva verità è che nell’intero tempo che gli USA erano impegnati a dire questo, ci sono stati pochissimi casi di violenza tra la gente. Invece, nonostante non ricevessero alcun aiuto, masse di persone hanno lavorato insieme per cercare di salvare la gente, a scavare tra le macerie con le mani nude, cercando di badare ai feriti e di aiutarsi reciprocamente per sopravvivere in mezzo alle macerie. Ci sono arrivate segnalazioni di molti haitiani venuti a piedi a Port-au-Prince, provenienti da molte zone di Haiti, per aiutare le persone. E’ stato lo stesso popolo haitiano – molti di loro sono rimasti feriti – che ha cercato di fare il possibile nelle prime 72 ore per salvare chi era rimasto intrappolato sotto le macerie, mentre gli USA non erano nemmeno sulla scena.

Quando il segretario di Stato degli USA, Hillary Clinton, ha visitato Port-au-Prince il sabato, ha discusso per un decreto d’emergenza per Haiti, che permetterebbe l’imposizione di coprifuoco e legge marziale condizionati dalle forze statunitensi. Ha spiegato la Clinton che: “Il decreto dovrebbe dare al governo una grande autorità, che in pratica verrebbe delegata a noi”.

E dovremmo ricordare: Questo è l’unico esercito che ha invaso, occupato e brutalizzato il popolo haitiano per decenni. Questo è l’esercito americano, lo stesso che a New Orleans, dopo l’uragano Katrina, puntava le pistole in faccia alla gente che cercava di sfuggire all’inondazione, e impediva alla gente di andare a New Orleans ad aiutare. Questo è lo stesso esercito statunitense che fa piovere le bombe in Afghanistan e Iraq, che uccide e imprigiona persone innocenti in tutto il mondo.

Venerdì scorso due funzionari militari sono stati citati dalla stampa spiegando che le forze USA in Haiti saranno operative nell’ambito di un adeguamento delle regole militari standard – il che vuol dire che possono sparare alla gente per autodifesa. I soldati USA a Port-au-Prince, hanno riferito che gli è stato chiesto di essere discreti nel portare i fucili d’assalto M4. Ma dobbiamo chiederci: Perché gli Stati Uniti hanno fatto uno sforzo maggiore per gli uomini con fucili d’assalto in Haiti che per i medici, soccorritori e attrezzature di soccorso?

Gli Stati Uniti hanno anche annunciato che gli Haitiani che cercano di raggiungere gli Stati Uniti, in questa crisi non potranno beneficiare del TPS (Status di Protezione Temporanea – Temporary Protected Status), il che vuol dire che saranno immediatamente espulsi. L’Homeland Security ha annunciato di voler spostare 400 detenuti dal centro di detenzione di Krome in una località segreta, per liberare spazio nel caso in cui qualche haitiano riesca a raggiungere le coste degli Stati Uniti. Ciò fa parte dell’ “Operation Vigilant Security”, che chiede per la compensazione di spazio al centro di detenzione Krome di Miami, spostando i detenuti in altre strutture. E funzionari USA hanno detto che alcune persone potrebbero essere ospitate temporaneamente nella base US Navy nella baia di Guantanamo, a Cuba.

Gli Stati Uniti sono il paese più ricco del mondo. Esso dispone di risorse enormi per tenere delle persone che hanno cercato di lasciare una situazione orrenda e invivibile. Ma invece ha promesso di bloccare e deportare tutti gli haitiani che cercano sicurezza negli Stati Uniti. Nel frattempo il presidente Abdoulaye Wade, del povero paese del Senegal, ha proposto che le nazioni africane offrissero la possibilità ai sopravvissuti haitiani di trasferirsi in Africa, “la terra dei loro antenati”. “L’Africa dovrebbe offrire agli haitiani la possibilità di tornare a casa. E’ loro diritto.”, ha detto Wade sul suo sito web. Funzionari senegalesi hanno riferito di aver offerto ai rifugiati haitiani appezzamenti di terreno fertile.

Gli USA stanno dando, o almeno hanno promesso, un aiuto sufficiente in modo da non essere criticati com’è successo dopo lo tsunami nello Sri Lanka del 2004 e l’uragano Katrina. Ma anche stavolta gli aiuti non sono giunti nei giorni cruciali dopo il terremoto. Come Toby O’Ryan chiede nel suo articolo, “Sette domande su Haiti”: “State dando questo aiuto in così piccole quantità e così lentamente perché siete più concentrati sul mantenere l’autorità repressiva di governo in Haiti chenel venire incontro alle esigenze urgenti e immediate del popolo haitiano portando l’aiuto direttamente alle persone e permettendo loro di organizzarsi collettivamente per distribuirlo in un momento di crisi, quando le autorità ordinarie non hanno il controllo totale?”

Per arrivare a questo punto un po’ più importante, la questione potrebbe essere esaminata da un’altra angolazione: I cuori delle persone di tutto il mondo si sono sconvolti quando hanno visto l’orrore rivelarsi in Haiti. Sono stati versati contributi di denaro, medicine e attrezzature. Medici, squadre di soccorso, operatori umanitari e gente comune sono venuti per l’urgente necessità di salvare vite umane. Così, mentre è assolutamente scandaloso ed esasperante vedere quello che sono gli Stati Uniti e cosa non stanno facendo, può sembrare incomprensibile. Per alcuni sembra che gli Stati Uniti siano solo goffi, un’inetta macchina burocratica. Che il problema è la corruzione o l’incompetenza. La gente potrebbe chiedere cosa potrebbe essere più semplice del riconoscere che le persone stanno morendo, hanno bisogno di aiuto, e in particolare che i paesi ricchi con tante risorse dovrebbero fare tutto il possibile per salvare vite umane?

Ma tutte le prove dimostrano che salvare le vite NON è la preoccupazione e i calcoli che disciplinano le azioni degli Stati Uniti, in risposta a questa terribile tragedia umana.

Questa loro risposta al terremoto di Haiti dimostra che prima di tutto gli USA si sono occupati di mantenere lo status quo dell’attuale controllo economico oppressivo su Haiti e le politiche repressive richieste per rispettare tale status. Essi si preoccupano di mantenere il controllo e la stabilità della situazione in modo che le cose non si sviluppino minacciando la dominazione degli USA. Si occupano di prevenire l’immigrazione incontrollata verso gli Stati Uniti. Si tratta di agire per salvaguardare e promuovere i loro interessi economici e geo-politici nella regione dei Caraibi. Ogni mossa degli Stati Uniti in Haiti è governata da questi freddi calcoli imperialistici, senza nessuna considerazione per la vita umana.

Quando i Marines hanno assunto il controllo dell’aeroporto di Port-au-Prince, il messaggio è stato: gli Stati Uniti hanno il potere e abbiamo intenzione di fissare le modalità per tutto quello che succede qui.

Perché Haiti è così povero? Perché ci sono stati così tanti morti?

Con gli occhi del mondo su Haiti, molte persone stanno vedendo come la povertà sia stata intensamente moltiplicata dal terremoto. Ma la gente ha bisogno di chiedere: perché è così povero Haiti? E PERCHE’ si dispone di una città come Port-au-Prince dove così tante persone sono così vulnerabili agli effetti devastanti di un terremoto simile?

Prima di tutto, Haiti è povero e impoverito a causa di una lunga storia di dominazione e oppressione da parte degli Stati Uniti. I marines americani hanno invaso e occupato Haiti dal 1915 fino al 1934. Gli USA si impossessarono delle terre e le distribuirono a società americane. E la resistenza eroica che insorse contro gli Stati Uniti venne brutalmente soppressa. A partire dal 1957 gli Stati Uniti appoggiarono i governi dittatoriali Duvalier – prima Papa, poi Baby Doc – e gli assassini militari haitiani, che terrorizzavano la gente con le bande Tontons Macoute. Dopo insurrezioni popolari, vennero scacciati questi dittatori e gli USA intervennero combattendo le forze che minacciavano gli interessi degli Stati Uniti e lavorarono per mantenere un governo fantoccio al potere. Nel 2004 gli Stati Uniti vennero coinvolti direttamente nel rovesciamento del presidente eletto dal popolo, Jean-Bertrand Aristide. Attraverso tutto questo, le strutture economiche e sociali di Haiti sono state distorte e orientate per soddisfare le esigenze della politica estera, gli investimenti in particolare degli Stati Uniti. Tutto ciò è il motivo per cui Haiti è così povero e dipendente.

Oltre l’80% della popolazione di Haiti vive in estrema povertà. Oltre la metà della popolazione vive con meno di un dollaro al giorno. Oltre l’80% delle persone non ricevono la razione giornaliera minima di cibo, come definita dall’Organizzazione Mondiale della Sanità. Meno del 45% ha accesso all’acqua potabile. L’aspettativa di vita in Haiti è di 53 anni. Un solo abitante su 100.000 haitiani ha accesso a un medico.

Parlando del ruolo degli Stati Uniti ad Haiti, Bill Quigley, direttore legale presso il Centro dei Diritti Costituzionali, ha dichiarato: “Abbiamo mantenuto il paese dipendente. Abbiamo mantenuto il paese militarizzato. E abbiamo mantenuto il paese impoverito. Abbiamo gettato via il nostro riso in eccesso, le eccedenze che producono le nostre coltivazioni, di conseguenza sono stati tagliati fuori i piccoli agricoltori che volevano essere la spina dorsale del luogo . . . Noi non abbiamo creato il terremoto, ma abbiamo creato delle circostanze tali da far divenire il terremoto così devastante . . . “ (Democracy Now! 14, 2010)

Le condizioni estremamente povere di Haiti, inclusa la mancanza di infrastrutture – questo ha creato la situazione in cui il terremoto è stato così devastante – è a causa della lunga storia di dominazione degli Stati Uniti.

Meccanismo di Dominazione Imperialista

Trent’anni fa il mercato interno haitiano sussisteva sul mais, patate dolci, manioca e riso, insieme ai suini domestici e la produzione di altri animali. Poi nel 1986, il Fondo Monetario Internazionale (FMI) prestò ad Haiti 24,6 milioni di dollari, ma ad una sola condizione, che Haiti riducesse le tasse di protezione sul riso, gli altri prodotti agricoli e alcune industrie. Questa legge mirava ad aprire i mercati del paese alla concorrenza di altre nazioni. Gli agricoltori haitiani non potevano competere coi produttori di riso statunitensi, che sono stati oggetto di convenzioni da parte del governo degli Stati Uniti. Del riso a buon mercato inondò Haiti sottoforma di “aiuti alimentari”. Il mercato locale del riso crollò e migliaia di cittadini sono stati costretti a trasferirsi in città a cercare lavoro.

Intorno a questo stesso periodo, gli Stati Uniti insistettero sul fatto che i contadini haitiani dovevano liberarsi del loro patrimonio di suini – visto come un’ipotetica minaccia ai suini degli USA.

Questo è il fattore chiave del perché c’è così tanta fame ad Haiti oggi. Questa fu espressa con forza nelle rivolte per il cibo nel 2008. Il riso importato, che era ormai diventato la base della dieta haitiana, raddoppiò il prezzo e la gente non poteva permettersi di mangiare. Molti sono stati costretti a mangiare e vendere torte fatte di fango e olio vegetale per tenere lontani i dolori della fame.

Nel 1994 gli Stati Uniti hanno reso possibile per Jean-Bertrand Aristide, che era stato costretto a lasciare il paese, di riprendere la sua presidenza, ma solo a condizione dell’attuazione delle politiche del FMI e della Banca Mondiale (World Bank – WB) volte ad aprire i mercati di Haiti e ancor di più al commercio internazionale.

Ecco come l’economia di Haiti è stata distrutta e com’è diventata dipendente dagli alimenti di importazione, in particolare del riso dagli Stati Uniti e in pochi decenni centinaia di migliaia di persone sono state spinte ad abbandonare le zone rurali in Port-au-Prince, e costrette a vivere nelle condizioni di vita più povere, dove la disoccupazione di alcune zone è più del 90%.

Part-au-Prince negli anni ’50 aveva solo 50.000 abitanti. Ma quando il terremoto ha colpito, più di 2 milioni di persone vivevano nella capitale. E decine di migliaia sono morti perché si trovavano in baraccopoli, alloggiamenti, scuole e altri edifici che sono crollati perché erano strutture pessime e scadenti.

Brian Concannon, direttore dell’ Institute for Justice & Democracy in Haiti, ha parlato del perché così tante persone vivevano sulle colline dove erano vulnerabili agli effetti di un terremoto: “ Sono arrivati lì perché loro o i loro genitori o nonni, furono spinti fuori dalla campagna di Haiti, che la maggior parte degli haitiani utilizzavano per vivere. E loro furono spinti fuori di lì dalle politiche di trent’anni fa, quando fu deciso dagli esperti internazionali che la salvezza economica di Haiti stava negli impianti di fabbricazione e montaggio. E al fine di anticipare questo, fu deciso che Haiti necessitava di una forza lavoro nelle città.

Quindi un insieme di procedimenti di aiuto, commerciali e politici sono stati attuati volti a spostare le persone dalla campagna a luoghi come Martissant e le colline – colline che abbiamo visto in quelle foto [della devastazione].” (Democracy Now!, 14 gennaio 2010)

Pericolose condizioni di impoverimento

Come parte per far valere i rapporti di dominazione imperialista, la Banca Mondiale e il FMI hanno imposto politiche di adeguamento strutturale su Haiti, che richiede al governo di ridurre o eliminare molti programmi di servizio sociale, al fine di rimborsare il debito estero.

L’aumento della povertà nelle campagne ha gravemente colpito il paesaggio, aggravando le condizioni che rendono più pericolosi eventi come terremoti o gli uragani. Per esempio, meno del 2% delle foreste di Haiti è rimasto, la maggior parte è stato tagliato per l’esportazione o per l’industria del carbone. Alcune sono state distrutte a causa dei poveri che tagliavano gli alberi per fare il carbone per sopravvivere. Quando gli uragani hanno colpito Haiti nel 2008 sono morte oltre 1000 persone intorno alla città di Gonaives. Questo è stato causato in gran parte dalle inondazioni e dalle frane causate dalla deforestazione. Il dottor Paul Framer, che dirige un’organizzazione chiamata Partners in Health, ha fatto notare come l’assenza di alberi abbia creato inondazioni flash che hanno spazzato via la gente. Farmer ha detto: “E’ il disastro ecologico che sottende l’intero processo. E ancora, il caos e il disastro ecologico è causato dagli umani e non dall’ira di Dio.”

Molti degli agricoltori e contadini costretti a Port-au-Prince negli ultimi decenni hanno finito per diventare disoccupati e vivono in baraccopoli costruite a basso costo con blocchi di cemento, stagno e qualche volta paglia. Quando il terremoto ha colpito, queste e altre strutture, come scuole fatte di cemento senza acciaio rinforzato, sono stati gli edifici più vulnerabili che si sono trasformati rapidamente in una trappola mortale.

Per più di un decennio, i geologi hanno avvertito del rischio della probabilità di una forte scossa nel sud di Haiti, dove la faglia tra il Nord America e la placca tettonica dei Caraibi si muoveva. E di recente, nel 2008, il sindaco di Port-au-Prince ha stimato che il 60% degli edifici della capitale sarebbe a rischio in caso di un terremoto di rilievo. Ma in un paese povero come Haiti non ci sono i soldi per rendere le strutture resistenti ai terremoti. L’anno scorso una scuola di Pétionville, un ricco sobborgo di Port-au-Prince, è crollata da sé.

Gli interessi e piani degli USA per Haiti

Sulla scia di questa enorme tragedia ad Haiti, gli USA continuano a portare avanti i loro piani per dominare e sfruttare ulteriormente il popolo haitiano. Obama ha messo George W. Bush e Bill Clinton in carica per gli aiuti degli Stati Uniti ad Haiti. Il ritorno di Bush per questo lavoro è dato dal fatto che lui ha presieduto i crimini contro la popolazione di New Orleans dopo l’uragano Katrina. Le credenziali di Bill Clinton invece sono che lui è l’uomo di punta per un piano tanto lodato per Haiti, che prevede la creazione di zone turistiche e fabbriche schiavistiche in cui gli haitiani verranno pagati 38 centesimi l’ora.

Se si vuole parlare davvero di saccheggi su grande scala, questo è quello che Bill Clinton aveva da dire dopo il terremoto: “Appena avremo affrontato la crisi immediata, i piani di sviluppo che il mondo sta già sviluppando dovranno essere attuati in modo più rapido e su una scala più ampia. Mi interessa solo andare avanti con questo piano. Haiti non è condannata. Non dimentichiamo che i danni del terremoto sono in gran parte concentrati nella zona di Port-au-Prince. Questo ha significato una grave perdita di vite, ma significa che esiste la possibilità di ricostruire in altre parti dell’isola. Quindi tutti i progetti di sviluppo, l’agricoltura, la riforestazione, il turismo, l’aeroporto che ha bisogno di essere ricostruito nella parte settentrionale di Haiti, tutto il resto deve rimanere nei tempi previsti. Poi dovremmo semplicemente raddoppiare i nostri sforzi, una volta passata l’emergenza si passerà a fare il giusto tipo di ricostruzione a Port-au-Prince e usarlo per continuare a costruire meglio di prima”.

In altre parole, Clinton adesso vede la massiccia distruzione di Haiti come un’opportunità per far avanzare i suoi piani di costruzione di fabbriche schiavistiche remunerative e zone turistiche. Clinton ha già arruolato Royal Caribbean Cruise Lines per investire 55 milioni di dollari per costruire un pontile lungo le coste del Labadee, che ha preso in affitto fino al 2050. Secondo il Miami Herald:

Il piano di 40 milioni di dollari comporta la trasformazione di varie piccole città in villaggi turistici, eco-turismo, esplorazioni archeologiche e visite ai riti Vudù. Il piano di Clinton include anche una grande espansione del settore delle fabbriche clandestine in Haiti e gli USA hanno già a disposizione un posto esente da franchigia per l’esportazione di abbigliamento haitiano.

Il governo americano e i media principali continuano a dipingere gli Stati Uniti come il paese più generoso e attento a “non dimenticare il popolo haitiano”. Nel suo discorso, promettendo aiuti al popolo haitiano, Obama ha detto: “La nostra nazione ha una capacità unica di raggiungere velocemente e fornire l’assistenza che può salvare vite umane”.

Ma tutto ciò che gli USA hanno fatto era mirato NON al salvataggio e al soccorso, NON ad aiutare il popolo haitiano, ma ha di fatto significato molti più morti e sofferenza.

Come dichiara il giornale Revolution del 13 gennaio: “Ci deve essere una lotta contro questo sistema per chiedere che i bisogni delle masse vengano soddisfatti e che NON ci sia la soppressione delle masse”.

Titolo originale: “America’s Role in Haiti: Sabotage of Relief Efforts?”

Fonte: http://revcom.us/
Link
19.01.2010

Traduzione per http://www.comedonchisciotte.org a cura di MICHELE IOVINELLA

Annunci
Categorie: Politica | Tag: , , , , | Lascia un commento

Navigazione articolo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: