Fai da te

Dov’è quella stella? Costruiamo un Astrolabio!

L’Astrolabio è uno strumento inventato dagli antichi Greci per identificare la posizione dei corpi celesti come le stelle, la Luna, il Sole e i pianeti. Regolando infatti lo strumento a seconda della nostra locazione sulla Terra (longitudine e latitudine), siamo in grado di vedere bidimensionalmente la volta celeste che ci si presenta davanti, e ci dà quindi anche la possibilità di prevedere in che posizione saranno le stelle in una data a nostro piacere.

In questa immagine possiamo vedere un tipico astrolabio inglese del 14° secolo, impostato sulla latitudine 52 di Londra, e utilizzabile quindi solo nella capitale Inglese.

Questo in origine era uno strumento essenziale per navigatori ed esploratori, sostituito poi dal sestante.

Oggi può essere utilizzato per gli amanti delle stelle, che in queste notti d’estate sono molto generose a mostrarsi sopra di noi (inquinamento luminoso permettendo).

Procurarsi un astrolabio oggi è abbastanza semplice. Su e-Bay ad esempio un astrolabio didattico si può trovare anche intorno ai 10€, a dispetto dei 300€ di un astrolabio completo di sfera armillare! A questo punto perchè non provare a farne uno con le nostre mani?

Spulciando su internet ho trovato, sul sito del College di St John dell’Università di Cambridge, una sezione interamente dedicata a questo fantastico strumento, con tanto di documenti storici e manoscritti originali come il “De astrolabio“, vero a proprio manuale d’istruzioni risalente al 1390.

In questa interessante sezione troviamo anche il modo per costruire un semplice ma utile astrolabio di carta, versione semplificata e modernizzata del modello descritto da Geoffrey Chaucer nel 1931.

Quello che ci mostra è però impostato alla latitudine 52, del Nord Europa e di parte degli Stati Uniti, quindi inutilizzabile in Italia. Il sito però ci mette a disposizione questa pagina dalla quale possiamo scaricare il template dell’astrolabio a seconda della nostra posizione. Noi italiani, regoliamoci con questa tabella.

Io ho preso come esempio questo con latitudine 40N, che corrisponde alla latitudine di Napoli. Il documento che dobbiamo stampare contiene 5 fogli. Il 1° con le istruzioni in inglese, il 2° con il retro della base, il 3° con la parte frontale della base, il 4° è la Rete e il 5° contiene il righello.

Per chi ha poca dimestichezza con l’inglese questa è la traduzione delle istruzioni:

Il presente documento contiene una serie di immagini che devono essere stampate e ritagliate per creare una semplice versione in cartone di un astrolabio medievale.  Il risultante astrolabio è una versione semplificata e modernizzata di quello descritto da Geoffrey Chaucer nel 1391 nel “Trattato sull’ Astrolabio”, ed è stato costruito seguendo le istruzioni contenute in “Eisner”.  I diagrammi in questo documento sono stati prodotti utilizzando PyXPlot.

Istruzioni

Le pagine 2, 3 e 5 devono essere stampate su carta, o più preferibilmente su cartoncino. La pagina 4 deve essere stampata su un foglio trasparente. I due lati della base (pagina 2 e 3) devono essere incollati retro e retro su un pezzo di cartoncino rigido.  La Rete, stampata su un foglio acetato trasparente, deve essere posta sulla parte frontale della base.

Sul 5° foglio, il Label e il Rule, devono essere posizionati su entrambi i lati dell’astrolabio: il Rule, segnato con una scala di declinazione, deve essere posta al di sopra del foglio trasparente (Rete), mentre il label (quello bianco), va messo sul retro della base. L’intera costruzione può essere quindi fissata insieme con una copiglia inserita nel centro.

Categorie: Curiosità, Fai da te, Scienza | Tag: , , , | Lascia un commento

Il Barometro Fai da Te

Dato il gran numero di visite, anche giornaliere, dell’articolo comparso sul blog il 30 giugno 2009 Fai da te – Costruire un barometro artigianale per le previsioni del tempo, ho deciso di riproporre l’argomento, soprattutto in questi giorni di meteo imprevedibile.

L’articolo che segue è interamente tratto dal “Manuale di Archimede” (1973, Walt Disney Productions), libro estremamente interessante che parla di tutte le invenzioni dell’uomo, dalla ruota ai missili spaziali; e cosa molto più interessante, ci sono dei capitoli all’interno nei quali spiega “come” costruire alcune delle invenzioni trattate. E in questo caso, propongo appunto il Barometro per le previsioni del tempo (da notare lo stile anni 70):

“FATELO DA VOI: IL BAROMETRO


Vi piacerebbe fare le previsioni del tempo? Pensate alla considerazione di cui godreste in famiglia o presso gli amici se foste in grado di dir loro il tempo che farà con cognizione di causa, cioè da esperti meteorologi!

Sareste subissati di richieste da parte di gitani o dagli amici che stanno per recarsi in vacanza.

Noi vi insegnamo a costruirvi un barometro, lo strumento essenziale per le previsioni meteorologiche. Dovrete però, per ottenere un apparecchio veramente attendibile, seguire attentamente e con pazienza tutte le istruzioni.

Cominciate forando il tappo di sughero per farvi passare la cannuccia (oppure acquistate un tappo di gomma già forato) e infilatevi la cannuccia . Turate con un tappo il flaconcino, e fate in modo che la cannuccia ne tocchi il fondo. Prima di infilare il tappo, mettete nel flaconcino 2 cm cira di acqua inchiostrata, e poi succhiate adagio fino a che l’acqua non giunge a metà della cannuccia. Adesso infilate pure il tappo. Per far si che la chiusura sia ermetica, passate intorno al tappo un pò di paraffina o di ceralacca sciolte con una fiamma. Adesso turate con un batuffolo di ovatta l’estremità superiore della cannuccia, per far si che l’acqua evapori il meno possibile.

A questo punto il vostro barometro sarebbe finito, ma noi vogliamo che abbiate uno strumento anche bello, oltre che preciso. Sistemate quindi il flaconcino in una cassettina che potrete costruire voi stessi con legno e chiodi. Poi metteteci dentro il vostro flacone, e riempite lo spazio restante con ovatta. Fissate ora il coperchio della cassetta, che deve naturalmente avere un foro per far passare la cannuccia. Inchiodate poi alla cassettina una tavoletta (come vedete nella figura) su cui avrete precedentemente incollato un foglietto di carta; sul foglietto avrete segnato le graduazioni come mostra la figura.

Adesso è proprio tutto pronto e potete cominciare subito a sperimentare il vostro barometro. Voi sapete che le variazioni di pressione atmosferica causano variazioni metereologiche. Cioè quando la pressione dell’aria aumenta, anche l’aria contenuta nel vostro flaconcino viene compressa, per cui l’acqua dentro la cannuccia scende. Quando invece la pressione esterne diminuisce, avviene esattamente il contrario: l’acqua sale.


Orbene, quando l’acqua sale, il tempo minaccia pioggia, quando scende, invece, il tempo promette bene.

Ovviamente, quanto più sale, tanto peggiore è il tempo, e il contrario succede quando scende.

[…]”

Categorie: Fai da te | Tag: , , , , , | 18 commenti

Fai da te: Pop corn coi led usb!!!

Siòre e siòri, dopo lo stupenderrimo ventilatore, ecco un’altro prodigio della tecnologia moderna……L’USB POPCORN MAKER!

Categorie: Fai da te | Tag: , , , | 3 commenti

Fai da te – Costruire un barometro artigianale per le previsioni del tempo

Costruire un barometro, versione riveduta e corretta a questo indirizzo: https://michele227.wordpress.com/2010/01/15/il-barometro-fai-da-te/

Categorie: Fai da te | Tag: , , , , , | 2 commenti

Come costruire un ventilatore……con dei CD

Con l’estate arriva il caldo……e i metodi per sconfiggerlo!  Basta un piccolo motorino elettrico e…2 CD!

ventilatore

Questo è quello che ci serve:

  • 2 CD
  • Un tubicino di cartone o plastica
  • Un motorino elettrico
  • Un cavo USB
  • Dei cavetti elettrici e quel coso che serve per collegare i fili in modo decente (non conosco il nome tecnico, mi dispiace)

Ecco il video (non fatto da me ovviamente) che ci mostra il come si fa…

Categorie: Fai da te | Tag: , , , , , , | 13 commenti

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: